L’EQUINOZIO

Cos’è l’Equinozio sotto la chiave della Scienza Ammonia? è il punto esterno di equilibrio che viene generato dall’universo.

Puoi ascoltare la trasmissione anche su Spotify al link:

Buongiorno a tutti, oggi è l’equinozio e so benissimo che in tutto il mondo viene usato in tanti modi l’equinozio, viene usato per riti e cerimonie di diverse tradizioni ed giusto, ed è corretto, perché le tradizioni sono tante e di conseguenza sono tanti rituali e i modi di poter festeggiare questo momento. Ora, più che festeggiare diciamo che si dovrebbe ritualizzare, si dovrebbe portare all’attenzione della coscienza, specialmente dell’uomo moderno che dimentica queste cose, tutto ciò che è il contatto con la natura. Ma, di solito il suo vero e profondo significato, si perde. Questo dipende da tutti i vari rituali e significanze che vengono date, che ripeto, sono ottimi e devono esistere perché danno una cadenza spirituale, specialmente in un mondo come questo che è completamente materiale. In una caduta, sempre più giù, dall’alto picco fino al campo oggettivo.

Ora per la Scienza Ammonia: cos’è l’equinozio? Che cosa indica? Cosa vuole essere? Cosa vuole indicare? Significare? Diciamo che anche nella Scienza Ammonia a diversi gradi esistono diverse fasi di ritualizzazione e celebrazione dell’Equinozio, e questo è indice di cammino sulla strada da parte di chi celebra queste cose. È naturale che man mano che la mente si eleva, man mano che comincia a lasciare il campo oggettivo per penetrare nel campo sottile e poi da lì continua a salire verso il campo spirituale. In pratica fa una strada che è: materia, psiche, spirito; la gente molto spesso mischia questi piani. Io prima di parlare bene dell’equinozio e dei suoi significati, vado a dare una piccola indicazione su questo. Esiste il campo oggettivo che noi tutti conosciamo, che è quello della materia che noi vediamo; esiste il campo psichico: la maggior parte della magia si svolge nel campo psichico, e anche l’alchimia nelle sue fasi iniziali fino per poi passare nel campo prettamente e genuinamente spirituale.

Ora il campo fisico e il campo psichico sono molto simili, l’unica differenza oltre al fatto che gli oggetti percepiti nel campo fisico possono essere differenti nel campo psichico, è che nel campo psichico non esiste il tempo, e lo spazio può essere deformato, mentre nel campo fisico che è ancora più schiavizzato. Esiste il tempo e non è possibile deformare lo spazio. Bisogna stare sempre attenti perché la maggior parte dei fenomeni solitamente si svolgono sul campo psichico e poi si riverberano nel campo fisico, e viceversa. Dal campo fisico possono essere riverberati nel campo psichico, da qui tutte le basi delle pratiche rituali, da qui tutte le cose che solitamente vengono considerate magia di un certo tipo. Teniamo presente che tutto ciò che viene dato oggi come oggi come magia, è semplicemente molto psichica. Quindi oggi in questo periodo che è un periodo totalmente preso da oggetti fisici, da attenzione verso gli oggetti fisici, dall’incapacità di entrare nell’equilibrio, nella neutralità, ecco e qui cominciamo a capire, cominciamo a entrare a ciò che è il significato di equinozio, in questa incapacità tutto viene visto solo come qualcosa di oggettivo. Viene dimenticato che l’oggettivo non può essere altro che la copia, diciamo così, in positivo con una fotografia del campo sottile, psichico che ne sarebbe la controparte fotografica negativa. Negativa intende non cattiva, bensì senza colore. Lo vediamo nella vecchia tecnica fotografica pre-digitale che usa la luce in una certa maniera, quindi noi vediamo che ogni cosa a colori non ha un colore di per se stesso ma è bianca e nera, nel lunare, diversamente dall’astrale, noi percepiamo in bianco e nero, e poi tutto ciò si sviluppa come colore nella materia.

Dopo questa piccola premessa che getta tante domande, tanti dubbi, e tante risposte e che bene o male possono essere trovate in tante cose che ho dato e che continuerò a dare, ci chiediamo: cos’è l’Equinozio sotto la chiave della Scienza Ammonia? 

è il punto esterno di equilibrio che viene generato dall’universo, cioè, in questo momento nella fascia eclittica zodiacale in cui noi siamo prigionieri, giunge il momento di un equilibrio. In questo momento tutto ciò che era prima accaduto nei sei mesi precedenti viene resettato, e tutto ricomincia da zero con l’emanazione di una nuova corrente di coscienza, che sarà valida per i prossimi sei mesi consecutivi fino all’altro equinozio.

E’ il momento presente che il solstizio d’estate è la massima espressione di questa corrente coscienziale che viene emanata, mentre il solstizio invernale è la minima espressione di questa coscienza che viene emanata. Negli ordini antichi, o perlomeno quegli ordini seri, se ci sono i veri contatti con le forze interiori, con le forze invisibili, con ciò che abbiamo all’interno…si dice “interno” ciò che non è visto dai sensi, immaginare qualcosa di “interno” è un gioco di parole,  viene detto per dare alla mente delle conoscenze perchè la mente pensa in coppie di opposizione. Quindi, per esempio, si dice: i piani interiori per dire quello che non viene osservato con i sensi, quindi quando si dice qualcosa all’interno o qualcosa di piani interiori stiamo dicendo quello che non viene osservato con i sensi, mentre quando parliamo di cose esteriori, è quello che viene osservato con i sensi.

Quando viene detto anche: ciò che è in alto è come in basso, ciò che è dentro è come fuori, eccetera, eccetera… stiamo ad indicare questo. Ciò che viene visto con i sensi è lo stesso di quello che viene visto senza i sensi. Quindi i veri ordini che hanno questo contatto, con le forze interiori della natura, forze non viste ma che seguono ogni cosa e lo vediamo dalla fioritura degli alberi, al movimento dei pianeti, alle stagioni, tutto… la fioritura dei fiori, la vita sessuale degli animali, tutta questa biosfera che si muove, all’esterno viene vista da cinque sensi ma all’interno c’è qualcosa che la dirige. In questo mondo chi lo conosce emana, si dice una PAROLA EQUINOZIALE, parola equinoziale, che indica lo stato di coscienza che si svilupperà nei prossimi sei mesi. In questo periodo, infatti, viene anche iniziato ogni tipologia di rituale alchemico, magico, dell’antica religione, della nuova, delle new age, di qualsiasi cosa, perché… le bocce sono ferme. Ora, chi è fortunato a riconoscere questa tipologia di “corrente” che viene percepita, o viene trasmessa dai piani interiori… riesce a fare le cose come si deve. Chi invece, la maggior parte delle persone, non riconosce questo e fa le cose senza conoscere questa parola, ossia questa corrente coscienziale, avrà dei seri problemi perché si metterà magari, senza saperlo, contro la spinta equinoziale, cioè la corrente che viene da un equinozio all’altro. Ora, per esempio, io mi ricordo quando ero ragazzo, e giovane, ed entrai in una fratellanza che davano dei rituali equinoziali, però che era sempre lo stesso, no, e non veniva dato null’altro. A volte magari ci potevi riuscire, a volte no, io ero molto giovane, quindi mancante di esperienza. Nel tempo, osservando bene le cose date da questa fratellanza, da questi ordini che si sentono chissà che cosa, ho notato che era impossibile ottenere qualcosa… anzi, a volte erano cose contrarie, e le cose ti andavano veramente male nella vita. Perché ti mettevi contro questa corrente senza saperlo? Come sempre dico, non è l’uomo che si deve piegare alla pratica magica. La pratica magica è una tecnica, o alchemica, o mistica, è una tecnica e deve essere resettata e riassettata a seconda della persona, a seconda dell’anima, della persona che è molto più importante della pratica magica stessa. È come la matematica, la pratica magica, alchemica, e la matematica può essere usata da tutti o a seconda delle esigenze, o per calcolare quanto mi costa il pane, o per calcolare quanto è lontano un posto da un altro, o per fare i calcoli per progettare un televisore, o i calcoli per progettare un palazzo, o i calcoli per fare un aereo, una nave o qualsiasi cosa, quindi ognuno la usa a seconda di ciò che gli serve o anche filosoficamente. L’errore dei moderni è immaginare che la magia sia statica secondo il sistema in cui è dato, ma questo è un altro discorso. Si dice che la magia è fatta così e non può cambiare: non è vero. La magia sono leggi, la magia è l’alchimia, che si riveste di immagini a seconda delle società che si evolve nel tempo, a seconda delle idee, a seconda dei maestri che le trasmettono, sempre in linea con il tempo stesso. Per esempio la magia come è concepita oggi, non sarebbe potuta essere concepita nel 1500, nel 1600,  però le leggi sono sempre le stesse. Quindi ecco che in questo periodo viene pronunciata una parola, che è il rivestimento fisico dell’energia della corrente coscienziale. Io non sono mai tanto propenso ad usare la parola “energia” viste tutte le cose new age che leggo. Diciamo “corrente” coscienziale per corrente coscienziale intendo appunto quello che investirà il piano o pianeta nei prossimi sei mesi. Ora conoscere questa parola che ripeto è il rivestimento della coscienza, così come dire, per far capire ai neofiti, alle persone più nuove, come dire sedia, come parola riveste l’immagine della sedia, no? E sedia ha un’azione di dare riposo per sedersi. Quindi una parola viene poi esaminata e una volta che viene esaminata da chi la riceve, con metodi cabalistici, numerologici molto alti e complessi, che però danno la chiave. Viene visto chi è all’opera nei prossimi sei mesi, cioè quali  Dei sono in movimento, oppure quali stelle e vogliamo, o quali pianeti, e quindi quali forze di coscienza sono legati ad essi. Ora, questo che cosa indica? Indica che tutto ciò che attualmente si vive, questo momento di bocce ferme, di equilibrio di bilancia, proprio un equilibrio assoluto, e vi induco a vedere i due glifi che sono sia all’inizio dell’equinozio di Primavera, quindi l’Ariete e quello di Bilancia in autunno, hanno due tipologie di immagine. Vedete quello arietino è una specie di pianta che sboccia dalla terra, con due semicerchi che stanno ad indicare una forza molto grande, però equilibrata, che sta nascendo, con il sole che nasce, e quindi due, e poi andiamo a vedere l’altro equinozio, l’altro glifo che è stato dato all’equinozio, di bilancia che tutti, quando lo guardiamo pensiamo che siano appunto i piatti della bilancia, ma in realtà è il sole che sta tramontando. Le due righe della bilancia sono il mare, il mezzo cerchio che c’è sopra della bilancia, il quale il sole ha tramonto. Quindi mentre lì lo abbiamo doppio per far capire che sta sorgendo, lì lo abbiamo singolo, però hanno lo stesso glifo, lo stesso grafema, per indicare questo che sono due momenti di sorgere di una giornata, di tramontare una giornata. Questo qui, i saggi lo sapevano, e quindi è molto importante andarlo a descrivere. Ora sono due tipologie diverse anche di equinozio, perché mentre questo è un equinozio positivo, un equinozio proiettivo, quello bilancino è un equinozio negativo, quindi non proiettivo ma attrattivo. Infatti molto spesso quando ho letto anche per esempio nei libri di ermetismo, che era uguale se non riesci a cominciare una pratica in Ariete, la puoi fare in Bilancia, sì è corretto se sono pratiche molto semplici…Ma non sarebbe corretto sotto il lato strettamente polarizzato. Perché uno è proiettivo e l’altro è attrattivo. Quindi come al solito andiamo a vedere, viene attribuito da coloro che non conoscono tanto, oppure forse lo nascondono, una conoscenza che è chiaramente visibile, mentre non è che una cosa nascosta. Se tu vedi il sole che sta sorgendo adesso, quindi sta andando verso il massimo, quindi proiettivo, e vedi il sole che quando arriva in bilancia sta scendendo, quindi è attrattivo, mentre adesso le giornate si allungano, lì le giornate si accorciano, non è un segreto…

Scrivere in un libro che è la stessa cosa, può essere per i primi passi, però penso che tutti sappiano che la differenza è molto visibile con le giornate che si allungano, oppure con la notte che si allunga, quindi viene usato per diverse tipologie. Mi sono un po’ dilungato, però come al solito io tento di essere molto “caritatevole” come mi chiamerebbero gli alchimisti, anzi esageratamente caritatevole, però alla fine in linea con ciò che ho detto nell’ultimo audio, io sono interessato a prendere questa conoscenza che è generale, che è umana, quindi senza rivestirla di nessuna immagine data dai cosiddetti ordini e che è giusto che rimanga loro, perché la loro strada è che non deve essere assolutamente profanata, ma le leggi sono visibili a tutti, quindi non c’è nessuna rottura di mistero.

Basta guardare la natura: gli alchimisti sono chiari, dicevano “guardate la natura”, cioè non dovete andare a leggere i libri degli altri, il libro della natura è il migliore, gli altri hanno visto quelli e hanno scritto i loro libri, quindi secondo il loro punto di vista, perché dovete leggere i libri degli altri? Per esempio è assurdo leggere i libri, libri alchimistici del 1300, del 1500, io sì dico leggeteli per cultura, ma immaginate il cervello, gli occhi, la mente di uno del 1300.

Quindi dobbiamo guardarla a noi la natura e non Basilio Valentino, che dà le chiavi, ma sono del 1300, ora le chiavi sono diverse, mi spiace se con questo vado ad attaccare un pochino tutte queste cose qui, perché indica ignoranza di conoscenza. Ignoranza di conoscenza che tutti coloro che si reputano alchimisti si basano sulle spalle degli altri,  citando ad esempio Basilio Valentino, ci sono delle tecniche di alchimia pubblicate da certi editori con pochi scrupoli, che prendono tecniche di alchimia che sono molto pericolose, quasi infattibili oggi come oggi, anche per mancanza degli strumenti di un tempo…e li pubbichano come grandi segreti. Questo è sbagliato, questo qui è una cosa in malafede, l’Alchimia di un tempo non può essere come l’Alchimia attuale, la magia di un tempo non può essere come la magia attuale. Poi, come ho sempre detto fare la magia con la spada, il calice… è solo per la Terra, sulla Terra userai la spada, il calice, la bacchetta, ma nello spazio? E se non ce li hai? Cosa fai? Quindi bisogna essere aperti, bisogna essere molto aperti in queste cose… quindi riuscire a capirle e quindi in questo periodo viene elaborata la parola in sé per sé e viene visto cosa sono queste influenze e da qui viene capito, ora ognuno lo può fare per se stesso in questa maniera, solitamente tutto quello che sta per accadere nei prossimi sei mesi prima dell’equinozio può essere sognato, a volte si sogna il giorno dell’equinozio oppure dopo, perché bene o male tutti siamo sensibili e tutti percepiamo nella cacofonia di tutto quello che vediamo, il caos, ciò che in pratica è ciò che accadrà a noi personalmente, mentre la parola magica è per il mondo, il pianeta, o per una società. È chiaro che la parola particolare per la Russia, è diversa dalla parola particolare per gli Stati Uniti, però c’è una parola generale per il pianeta, quindi può in uno modo particolare fino alla particolarizzazione di ogni persona che se sta attenta a quello che sogna nei giorni precedenti in cui si sta caricando la forza prima di rilasciarsi direttamente all’equinozio, comincia a percepire proprio perché questa forza è caricata che cosa può accadergli o cosa possono essere i prossimi avvenimenti. E da lì aver una direzione è quindi capire. Quindi state attenti, vedete di ricordare i vostri sogni almeno precedenti oppure di vedere questi da partire da adesso dell’equinozio fino magari a qualche giorno. Sono sogni solitamente diversi, sono sogni che non hanno collegamento con cose viste durante la giornata. È chiaro che se vedo passare una biciclette, sogno una bicicletta, mi è stata imposta nella mente da quello che ho visto. Ma se durante queste notti sogno cose a cui non ho mai pensato…quelli sono sogni profetici a cui potete dare un certo grado di realtà e quindi affidarvi ad essi. Questo per indicare, semplicemente la pratica da fare. La pratica da fare in questo periodo, molto semplice per tutti, è invocare il proprio Nume, che è la parte più alta di noi stessi, affinché in questo equilibrio assoluto ci possa dare la conoscenza di noi stessi, dei prossimi eventi, e che ci possa guidare.  Poi man mano che si sale, a seconda delle varie gradazioni della coscienza e della mente che acquisisce sempre più luce, chiaramente cambiano le varie disposizioni. È chiaro che qui siamo ancora nell’ambito soggettivo-psichico, come ho detto. L’ambito spirituale è già qualcosa di differente perché è scevro, e al di là, di ogni forma, di ogni colore, di ogni suono, di ogni parola, è proprio al di là. Però attualmente noi dobbiamo costruire la nostra casa con i materiali che troviamo, quindi questa conoscenza e queste cose qua. Io vi incito a seguire i rituali, dati da quello che sentite, per esempio di qualsiasi tradizione che fate parte, anche Vivian ha scritto diverse cose per quanto riguarda questi periodi, quindi per chi si sente chiamato, sarebbe utile fare qualcosa di simile. E poi se invece un’altra persona sente un’altra cosa, faccia quello. Però non restate con le mani in mano in modo che in questo periodo di bocce ferme, di tutto fermo, voi date l’impulso, quindi i sogni per capire, però potete dare l’impulso, la spinta che desiderate per i prossimi semiti, pensatela bene questa spinta, perché è chiaro che se date una spinta adesso che tutto fermo e come nel vuoto, questa andrà avanti, non troverà eccessivi blocchi, quindi può essere anche un pensiero, una preghiera ben fatta, però che sia fatta col cuore, non sia solo mentale. Questo è quanto posso dire. Poi per un significato più spirituale, e qui concludo, l’equinozio è l’assoluta realtà della coscienza, che essendo in equilibrio assoluto entra nella sua neutralità naturale, nel suo stato naturale, senza bisogni né di una parte né dall’altra, che è quello quando la bilancia si muove, e da qui è simbolizzata dai due punti dell’ariete, dei due semicerchi e dai due punti dei due piatti della bilancia, in questo caso quando è immobile, in questo periodo è immobile,  indica come se ce ne fosse bisogno qualcosa di totalmente silenzioso, e si sa nel silenzio c’è sempre la profonda verità. Buon equinozio a tutti, vi ricordo che il 14-15-16 Aprile, faccio il ritiro di ascesa all Iperuranio, ed è qualcosa di veramente nuovo, veramente nuovo, e qualcosa di molto profondo, che rielaborato per non urtare e né divulgare, come ho detto, pratiche colorate di altri, quindi in modo che tutto sia che, fatto in maniera che sia stato, possa essere dato senza urtare nessuno, non andando a toccare la descrizione dei misteri di qualcuno, quindi può essere vostro personalmente, e può essere ed è qualcosa di talmente alto che veniva dato, diciamo molto raramente, perché dava la capacità di potersi affrancare e liberare un po’ da molte cose, perché porta la mente ad uno stato al di là della materia, per toccare quella parte profonda chiamata iperuranio, quindi oltre l’uranio, quindi non arriviamo nel cielo uranico, ma bensì oltre, per andare a toccare quella parte che proprio oggi noi abbiamo discusso come neutralità equilibrante spirituale o realtà assoluta del silenzio dell’equinozio. Ancora una volta, se vi interessa contattate la Chat di Supporto su Line. Un abbraccio a voi, saluti e buon equinozio qualunque rituale, prigliera, pensiero, celebrazione voi facciate.